I più letti

Attività fisica riduce rischio cardiovascolare: nuove evidenze

Uno studio condotto su quasi 500.000 persone senza malattie cardiovascolari di base, ha dimostrato che l’attività fisica totale correlata al lavoro, al tempo libero o a necessità contingenti come camminare per sbrigare delle commissioni è associata ad un minor rischio a breve termine di sviluppare patologie cardiovascolari.

 

 

 

PP-GEP-ITA-1536

Difficoltà di comunicazione tra medico e infermiere spesso causa di errori medici

Difficoltà di comunicazione tra medico e infermiere spesso causa di errori medici

Secondo una ricerca statunitense, spesso alla base di errori medici, ci sarebbe una cattiva comunicazione tra medico e infermiere.Secondo una ricerca statunitense, spesso alla base di errori medici, ci sarebbe una cattiva comunicazione tra medico e infermiere.

PP-GEP-ITA-2276

Colite pseudomembranosa in pazienti con malattie infiammatorie intestinali: come curarla.

Il Clostridium difficile (C. difficile) è un batterio Gram-positivo generalmente trasmesso per via oro-fecale, che produce spore. È non invasivo e produce tossine A e B che causano la malattia, provocando conseguenze che vanno dalla presenza asintomatica, alla diarrea moderata, alla colite, fino alla colite.

PP-GEP-ITA-1650

Impatto della pressione sul cervello nelle fasi tardive della vita

Impatto della pressione sul cervello nelle fasi tardive della vita

Secondo un recente studio condotto alla Rush University di Chicago, una maggiore pressione sistolica nelle fasi tardive della vita è stata connessa con un incremento degli infarti cerebrali e dei marcatori della malattia di Alzheimer.

Immagine illustrativa supporto ad un anziano

Il management del paziente anziano: l’importanza della comunicazione

Una buona comunicazione è al centro di un approccio terapeutico efficace. I pazienti anziani sono spesso più vulnerabili e più difficili da gestire, ed è compito dell’operatore sanitario conoscere le strategie corrette per migliorare la comunicazione con loro [1].

 

PP-GEP-ITA-1658

Malattie infiammatorie intestinali

Malattie infiammatorie intestinali: intervalli colonscopia prolungati in alcuni pazienti

È possibile prolungare l’intervallo fra una colonscopia e l’altra nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali endoscopicamente quiescenti se non sussistono altri fattori di rischio per tumori del colon.

 

PP-GEP-ITA-2169

Oftalmologia

Cataratta: chirurgia non connessa a prolungamento sopravvivenza nelle donne

Cataratta: chirurgia non connessa a prolungamento sopravvivenza nelle donne

Secondo una recente ricerca la chirurgia della cataratta non sarebbe connessa ad un prolungamento della sopravvivenza nelle donne anziane.

PP-GEP-ITA-2376

Livello di produzione delle lacrime e gravità della xeroftalmia

Livello di produzione delle lacrime e gravità della xeroftalmia

Secondo una recente ricerca, la valenza clinica dei risultati al test di Schimmer sembrerebbe limitata come fattore predittivo di gravità della xeroftalmia.

PP-GEP-ITA-2377

Urologia

Prostatectomia radicale robotica: tempi brevi dalla biopsia non influenzano esiti

Prostatectomia radicale robotica: tempi brevi dalla biopsia non influenzano esiti

È stato condotto uno studio con lo scopo di investigare gli effetti della biopsia prostatica sugli esiti della prostatectomia radicale robotica (RALP).

PP-GEP-ITA-2375

Neurologia

Infezioni a trasmissione sessuale, leucocitospermia e fertilità

Infezioni a trasmissione sessuale, leucocitospermia e fertilità

Una recente indagine su campioni di urina e sperma di 50 pazienti per la ricerca di agenti responsabili di malattie sessualmente trasmesse, ha fornito dati sulla prevalenza di patologie a trasmissione sessuale asintomatiche in uomini con problemi di fertilità.

PP-GEP-ITA-2374

Impatto della pressione sul cervello nelle fasi tardive della vita

Impatto della pressione sul cervello nelle fasi tardive della vita

Secondo un recente studio condotto alla Rush University di Chicago, una maggiore pressione sistolica nelle fasi tardive della vita è stata connessa con un incremento degli infarti cerebrali e dei marcatori della malattia di Alzheimer.

Disturbi della respirazione nel sonno danneggiano connessioni cerebrali

Disturbi della respirazione nel sonno danneggiano connessioni cerebrali

I disturbi della respirazione nel sonno (SDB) possono portare a cambiamenti nella materia bianca cerebrale, che possono a loro volta compromettere la connettività funzionale.

Dieta sana nella mezza età preserva memoria e previene malattie mentali

Dieta sana nella mezza età preserva memoria e previene malattie mentali

Seguire una dieta sana nella mezza età è indipendentemente associato a maggiori dimensioni dell’ippocampo anni più tardi, e potrebbe proteggere sia dalle malattie mentali che dal declino cognitivo.

 

PP-GEP-ITA-2295

Sclerosi laterale amiotrofica: RBP4 connessa a rischio e prognosi

Sclerosi laterale amiotrofica: RBP4 connessa a rischio e prognosi

Una maggiore concentrazione sierica di Retinol Binding Protein 4 (RBP4) sarebbe associata ad una riduzione del rischio e a una migliore prognosi della sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

 

 

 

 

 

PP-GEP-ITA-2017

Dolore

Neuropatia da glutine: dieta senza glutine allevia il dolore

Neuropatia da glutine: dieta senza glutine allevia il dolore

Una dieta priva di glutine sarebbe associata a una significativa riduzione del dolore neuropatico periferico in pazienti con neuropatie dovute proprio alla sensibilità verso questa sostanza proteica. Secondo Panagiotis Zis della NHS Trust di Sheffield, autore di uno studio multicentrico su 60 pazienti, la neuropatia da glutine è comune e può risultare molto dolorosa, ma una dieta priva di questa sostanza può ridurre il dolore.

PP-GEP-ITA-2386

Dolore lombare acuto: terapia fisica immediata riduce necessità assistenziali successive

Dolore lombare acuto: terapia fisica immediata riduce necessità assistenziali successive

La terapia fisica rappresenta un’importante opzione terapeutica per i pazienti con dolore lombare, ma l’opportunità di indirizzare o meno un paziente alla terapia fisica e la tempistica della sua introduzione rimangono argomenti controversi.

 

 

 

PP-GEP-ITA-2018

Curiosità dal mondo medico

Puntare all'intelligenza emotiva per ridurre rischio esaurimento tra i medici

Un'opportuna formazione a livello di intelligenza emotiva tra i medici specializzandi, o da poco specializzati, aiuterebbe questi operatori sanitari a far fronte a situazioni di stress. A evidenziarlo è stata ricerca pubblicata su Advances in Medical Education and Practice e guidata da Ramzan Shahid, del Loyola University Medical Center di Maywood, in USA.

Tatuaggi e piercing non condizionerebbero l'opinione di un paziente verso il medico

Tatuaggi e piercing non condizionerebbero l'opinione di un paziente verso il medico

Secondo una ricerca statunitense pubblicata su Emergency Medical Journal, un medico con piercing o tatuaggi non sarebbe considerato meno professionale e capace di chi non li ha.

PP-GEP-ITA-2275

Immagine illustrativa supporto ad un anziano

Il management del paziente anziano: l’importanza della comunicazione

Una buona comunicazione è al centro di un approccio terapeutico efficace. I pazienti anziani sono spesso più vulnerabili e più difficili da gestire, ed è compito dell’operatore sanitario conoscere le strategie corrette per migliorare la comunicazione con loro [1].

 

PP-GEP-ITA-1658

Psichiatria

Depressione più grave e persistente negli anziani

Depressione più grave e persistente negli anziani

Gli anziani affetti da depressione maggiore presentano una prognosi sostanzialmente peggiore rispetto alle loro controparti più giovani. Gli anziani affetti da depressione maggiore presentano una prognosi sostanzialmente peggiore rispetto alle loro controparti più giovani.

Disturbi psichiatrici comuni condividono basi genetiche

Disturbi psichiatrici comuni condividono basi genetiche

La ragguardevole impresa compiuta dal Brainstorm Consortium di analizzare il genoma di quasi 900.000 soggetti ha rivelato una forte sovrapposizione genetica fra alcuni comuni disturbi psichiatrici.

Cyberbullismo devastante per la salute mentale degli adolescenti

Cyberbullismo devastante per la salute mentale degli adolescenti

Un recente studio ha confermato il danno emotivo causato dal cyberbullismo negli adolescenti, e in particolare in quelli più vulnerabili.

 

 

 

 

 

 

PP-GEP-ITA-2001

Gastroenterologia

Malattia di Crohn ad insorgenza tardiva: somiglianze con la rettocolite ulcerosa

Malattia di Crohn ad insorgenza tardiva: somiglianze con la rettocolite ulcerosa

La malattia di Crohn, diagnosticato dai 55 anni in su somiglia alla rettocolite ulcerosa e potrebbe essere considerato come una sottocategoria distinta dalle altre malattie infiammatorie intestinali.

Fundoplicatio di Nissel laparoscopica: disfagia persistente rara complicazione

Fundoplicatio di Nissel laparoscopica: disfagia persistente rara complicazione

La fundoplicatio di Nissen laparoscopica rappresenta una procedura chirurgica sicura, efficace, caratterizzata da una scarsa morbidità post-operatoria e da un efficace sollievo dai sintomi di reflusso.

Sarcopenia e malattie infiammatorie intestinali

Sarcopenia e malattie infiammatorie intestinali

Una revisione di 5 studi sulla correlazione fra sarcopenia e esiti chirurgici, ha mostrato che i pazienti sarcopenici con malattie infiammatorie intestinali presentano un’elevata probabilità di sottoporsi a chirurgia.

Malattie infiammatorie intestinali

Malattie infiammatorie intestinali: intervalli colonscopia prolungati in alcuni pazienti

È possibile prolungare l’intervallo fra una colonscopia e l’altra nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali endoscopicamente quiescenti se non sussistono altri fattori di rischio per tumori del colon.

 

PP-GEP-ITA-2169

Colite pseudomembranosa in pazienti con malattie infiammatorie intestinali: come curarla.

Il Clostridium difficile (C. difficile) è un batterio Gram-positivo generalmente trasmesso per via oro-fecale, che produce spore. È non invasivo e produce tossine A e B che causano la malattia, provocando conseguenze che vanno dalla presenza asintomatica, alla diarrea moderata, alla colite, fino alla colite.

PP-GEP-ITA-1650

Medicina Generale

In corsia, l'abbigliamento del medico fa la differenza

In corsia, l'abbigliamento del medico fa la differenza

L'abbigliamento del medico è una componente facilmente modificabile per migliorare l’esperienza di cura del paziente.

PP-GEP-ITA-2273

Al paziente solo 11 secondi per parlare prima di essere interrotto dal medico

Al paziente solo 11 secondi per parlare prima di essere interrotto dal medico

Undici secondi: è questo il tempo che ha a disposizione, in media, un paziente per spiegare i motivi della sua visita prima di essere interrotto dal medico.

PP-GEP-ITA-2274

Difficoltà di comunicazione tra medico e infermiere spesso causa di errori medici

Difficoltà di comunicazione tra medico e infermiere spesso causa di errori medici

Secondo una ricerca statunitense, spesso alla base di errori medici, ci sarebbe una cattiva comunicazione tra medico e infermiere.Secondo una ricerca statunitense, spesso alla base di errori medici, ci sarebbe una cattiva comunicazione tra medico e infermiere.

PP-GEP-ITA-2276

Frutta, verdura e legumi: 3 le porzioni al giorno raccomandate

Frutta, verdura e legumi: 3 le porzioni al giorno raccomandate

Secondo uno studio americano pubblicato su Lancet, per mantenersi in salute e per ridurre il rischio di mortalità basterebbero 3 porzioni, purché generose, di frutta, verdura e legumi.

 

 

 

 

 

PP-GEP-ITA-2121

Emofilia

Emofilia e scuola: come affrontare al meglio il nuovo anno scolastico

L'emofilia e in genere le malattie emorragiche congenite (MEC) sono malattie rare, hanno cioè una prevalenza inferiore a 5 casi ogni 10 mila abitanti. Indipendentemente dall'eterogeneità delle malattie rare, la vita dei pazienti colpiti e dei loro familiari è costellata da molte difficoltà di natura sia clinica sia sociale.

 

 

 

PP-GIP-ITA-0688

Emofilia e vaccini: vaccinazioni previste, somministrazione e raccomandazioni da seguire

Le vaccinazioni hanno permesso di salvare milioni di vite, prevenendo molte gravi malattie infettive, ma anche le relative complicazioni, spesso ugualmente pericolose. Sebbene le vaccinazioni siano scientificamente riconosciute come uno degli strumenti di tutela della salute pubblica più importanti, sicuri ed efficaci, da alcuni anni si registra un'importante riduzione del numero di vaccinati e una conseguente diminuzione delle coperture vaccinali.

PP-GIP-ITA-0728

Cardiologia

Attività fisica riduce rischio cardiovascolare: nuove evidenze

Uno studio condotto su quasi 500.000 persone senza malattie cardiovascolari di base, ha dimostrato che l’attività fisica totale correlata al lavoro, al tempo libero o a necessità contingenti come camminare per sbrigare delle commissioni è associata ad un minor rischio a breve termine di sviluppare patologie cardiovascolari.

 

 

 

PP-GEP-ITA-1536